Categorie
Accadde

Come ricordare i nomi delle montagne disegnando una mappa

cartina paolo buffa small

“Ci sono persone che riescono a memorizzare nomi, date, informazioni varie con la stessa naturalezza con cui si ricordano i nomi di mamma e papà. E pure nonna.
Io non sono uno di quelli. Neanche un pò. Quindi, dopo essermi scassato i 13/9 di uallera a provare a ricordare come si chiamano le montagne e le loro posizioni sul globo terrestre, con la stessa efficacia con cui l’acqua entra nella roccia, ho deciso di disegnarle e farci su una mappa. Più o meno la stessa tecnica usata da piccolo per memorizzare i nomi di mamma, papà e pure nonna. Solo che allora non c’era Illustrator, la Sony produceva ancora i walkman e la Russia si chiamava U.R.S.S.

Ci ho messo un bel pò.
Controllare se le distanze erano giuste, vedere chi era la cima più bassa e più alta, metterci vicino quel paese rispetto a dove lo ricordava la mia cartina mentale… tutto quel tempo mi ha fatto assorbire la topografia del territorio di Lecco, almeno le parti che mi interessano. Quindi manca un sacco di roba, tipo la posizione dei Mediaworld o i monumenti più belli di sempre, probabilmente manca anche qualche montagna ma non è che avessi voglia di rappresentare pure i sassi.

Questa è come se fosse la mia mappa, aggiustata con una certa logica per far si che coincida il più possibile con la realtà.
Mettiamo il caso che la logica usata si sposi bene con quella di un altro essere umano, abitante nel territorio di Lecco e con qualche deficit di memorizzazione, ecco che cliccando sul link qui sotto la si può scaricare in jpg da 5Mb circa, la si può ingrandire quanto si vuole, scoprire gli eventuali errori e dirmelo cortesemente che li vado a correggere.”

(Paolo Buffa, 15 febbraio 2017)

Ciao sono un banner dei cookies, per dirti che in questo sito sono presenti solo cookies tecnici. Cookie policy