Categorie
Web e dintorni

Il futuro di jQuery

 

Vi riporto una mia traduzione/interpretazione/riassunto di questa interessante chiacchierata sul ruolo ed il futuro della libreria jQuery nella programmazione web, pubblicata da Telerik qui: http://developer.telerik.com/featured/is-jquery-still-relevant/

La chiacchierata, avvenuta via chat Slack, tra programmatori di prestigio e esperienza, come  TJ VanToll , Jen Looper , Todd MottoJeremy Likness,  il nostro connazionale Aurelio De Rosa,  Nathanael Anderson, aveva come titolo “Is jQuery still relevant?”, cioè, provocatoriamente, se jQuery può ancora considerarsi rilevante oggi, alla luce del ritorno all’uso del Javascript, con le sue nuove versioni e dei nuovi framework come Angular e React.

Spoiler: la risposta è sì. Ma vediamo come arrivare a questa conclusione, e in quali termini e ambiti.
Qualcuno è più critico, altri meno, ma vediamo i PRO che vengono sottolineati dai partecipanti:

  • PRO: è la libreria JS più scaricata al mondo, presente da anni, quindi testata, stabile, con una vastità impressionante di plugins, documentazione online, tutorial, snippets, ecc ecc.
  • PRO: facile da imparare, per avvicinare i neofiti, e iniziare da subito una interattività nei propri progetti web.
  • PRO: compatibilità con versioni di browsers non recenti.
  • PRO: introduzione veloce di effetti e interazioni al DOM per siti vetrina, one-page site semplici (“brochure site” come li chiama qualcuno nel post)
  • PRO: velocità di realizzazione del prototipo di un progetto.

A questo punto vi chiederete: e perché allora dovremmo mettere in discussione l’uso di jQuery? Uno dei motivi è che ormai la standardizzazione dei browsers fornisce la possibilità di lanciare con sicurezza comandi Javascript nativi (ricordiamo che jQuery è una “interpretazione” di Javascript), senza caricare jQuery, con performance e caricamenti più veloci delle pagine. Ma il vero nodo sono le Web Apps, cioè creare siti che non solo “mostrino cose” ma che “facciano cose”: e-commerce, interazione con dati/database, fornitura di servizi digitali, ecc. Qui librerie come Angular o React hanno sfondato la breccia, non più modificando il DOM, ma addirittura creandolo, fino a gestirlo direttamente. Concetti che peraltro molti dei partecipanti alla discussione riconoscono a jQuery di aver aperto la strada, nelle sue realizzazioni framework jQuery UI e jQuery Mobile (queste sì, ormai veramente obsolete e sorpassate). A conclusione riporterei questa considerazione di TJ VanToll:

TJ VanToll: To me there’s a distinction to be made between web sites and web apps. Web apps tend to be more complex, and more advanced concepts like separation layers can make a big difference. Web sites tend to be a large chunk of the web, and don’t require a whole lot complex. In those cases, cases where Angular, React, and so forth are overkill, I still think jQuery is highly relevant. jQuery plugins are still the easiest way to achieve little effects on brochure sites.

(Trad: Per me va fatta una distinzione fra siti web e app web. Le app web tendono a essere più complesse, con concetti più avanzati come la separazione dei livelli, che possono fare una grande differenza. I siti web sono una grande fetta del web, e non hanno bisogno di particolare complessità. In questi ultimi casi, dove Angular e React e così via sono esagerati, io penso ancora che jQuery sia rilevante. I plugins jQuery sono ancora la via più facile per realizzare semplici effetti nei “siti brochure”.)

Un’ultima nota: Aurelio De Rosa, come ricordato dall’articolo, è the 4th largest contributor to api.jquery.com !

Buona lettura dell’articolo integrale!

Prossimamente conto di tornare sull’argomento jQuery, con le novità della versione 3> di jQuery, le versioni “slim” e l’utilizzo modulare.

Categorie
Accadde Vignette

Merry Mohole Christmas

 

Mohole_Christmas

Categorie
Accadde

Sketches from OpenDay

PSX_20140627_232418_1

 

Qui si imparano i linguaggi… con un linguaggio si può descrivere, si può narrare, si può riflettere. (Cosimo)

All’OpenDay di Mohole di venerdì 27 giugno, con l’Europa come tema, c’erano foto, video, un’intera nave 3D, disegni, teatro, tanti ragazzi e ragazze, i loro genitori, i docenti, qualcuno con figli, segretarie appena sposate abbronzatissime, birra, patatine, Salvo!, musica, le pagine web dei supernerd che “gli altri ballano e noi siamo qui a chiacchierare di codice”. Ah, e i fumetti: Camilla Mangiapane mi ha regalato il disegno che vedete qui sopra, e c’era il taccuino APRIMI e la storia della NERD SUPERTERRONA, e un’intero storyboard fatto dai raga!.

Ci si vede a settembre!

Categorie
Accadde Consigli

Lettera a uno iunior ueb desainer

ueb

Ti invidio e mi spaventi al tempo stesso. Sei una macchina sportiva appena uscita dal rodaggio, gomme nuove e prima innestata. Hai energia e entusiasmo, hai una cassetta piena di attrezzi pronti per essere usati. Forse non hai disciplina, ti distrai facilmente, cazzeggi sui socialini, ma quando ti metti in testa un’idea, una figata, manco ti accorgi dell’orologio del tuo portatile che indica le tre di notte.

Ma se sei qui vuol dire che hai anche la giusta dose di modestia, e posso rischiare di annoiarti un pò con qualche suggerimento.

Accelera in rettilineo, frena prima delle curve.
Il mondo e l’informatica cambia in fretta. Quando la strada è dritta spingi sull’acceleratore, tieni il volante in mano e segui il tuo percorso. Ma non guiderai mai veramente da solo, avrai sempre dei compagni con te, un collega, uno sviluppatore del quale leggi il blog, la tua compagna o compagno che ti ricorda che non esiste solo il codice, internet o le serie tv da scaricare. Guarda fuori, il tuo panorama è cosa fanno gli altri, ma anche una catena di montagne, un’immagine che ti ricorda un film che hai visto, o un racconto che hai letto, e tutti possono darti lo spunto per un idea.

Ogni tanto rallenta. Lungo la strada incontrerai persone come te, scambiaci due chiacchiere, fagli i complimenti se li ammiri o ci vai d’accordo, non ti arrabbiare se la pensano diversamente o non capiscono una tua idea sicuramente geniale. E poi troverai le curve, gli ostacoli, i lavori in corso, fanno parte della nostra strada. Il cliente che non capisce niente, un collega che si prende i meriti al posto tuo, il capo che ti dice di rifare le cose da capo. Hai mai visto un pilota vincere una gara con i freni rotti? Non credo, anche se Tazio Nuvolari nel ‘46 vinse arrivando al traguardo con il volante staccato dal piantone dello sterzo.
Ti auguro di diventare come lui, anzi sicuramente ti capiterà più di una volta di vedere premiata la tua temerarietà, o semplicemente, di avere qualche bella botta di culo. Io faccio l’informatico da quando avevo scritto in un mio curriculum di perito agrario che avevo nozioni informatiche e di html. L’impiegata dell’agenzia interinale aveva la stampante bloccata e mi chiese se sapevo fargliela ripartire. Era solo la coda di stampa da pulire, e la ragazza mi portò il giorno dopo ad un colloquio. 6 giorni di prova, 6 mesi da interinale, 13 anni di lavoro in informatica.
Ma non sarei durato senza correttezza, impegno, applicazione, onestà. Ricorda che quello che non sai lo puoi imparare, non sentirti mai inadeguato, se ti senti incompleto è tutto ok, non ti preoccupare mai di questo, anzi, ti darà sempre una marcia in più rispetto agli altri.

Rifletti, ma quando serve, usa la Forza.
Valuta sempre l’alternativa, cerca soluzioni nuove, preparati un piano B, pensa alle possibili obiezioni e a come spiegare e giustificare le tue scelte. “Perchè così è meglio” o “Questo non si può fare” non sono risposte. Non fare qualcosa solo perchè piace a te, pensa se piacerà a chi te la pagherà, ma soprattutto a chi la userà, e magari la userà più volte, magari tutti i giorni. Non sconvolgere un tuo lavoro precedente perchè una mattina hai realizzato che è una fetenzia gigantesca: aspetta, se puoi, introduci qualche modifica, e magari scoprirai che non era tutto così tremendo. Sii orgoglioso dei tuoi lavori e impara dai tuoi sbagli, anche dai tuoi compromessi, non riuscirai a cambiare il mondo con il codice, non subito, almeno.
Ammetti i tuoi dubbi, sarai più credibile quando dovrai difendere una tua convinzione a spada (laser) tratta… e quel giorno usa la Forza, Luke!

Che altro dirti? Cennyd Bowles, il capo designer di Twitter ti dice “Leggi letteratura: un buon racconto a volte ti insegnerà più di quello che può fare un buon libro di design. Ricorda a te stesso che esiste il mare.”. E Andrew Clarke, della Stuff & Nonsense, ti consiglia: “Divertiti a farlo. Questo settore è stato valido per me per molti anni, e sono contento che anche tu ci sia, ad insegnare a questo vecchio cane dei nuovi trucchi.”

Io mi fermo qui, abbiamo tempo per conoscerci.
Cura l’igiene personale, dona il sangue, stai lontano da Yahoo Answers, ascolta il rock’n’roll.

Baci

Francesco

(ispirato da:
http://alistapart.com/column/letter-to-a-junior-designer
e
http://alistapart.com/blog/post/a-different-letter-to-a-junior-designer)